Note Biografiche

Nicola Materrese 2009   

Nicola Matarrese. Nato ad Alberobello (BA). Laurea in Scienze agrarie alla Università di Bari nel 1950. Nello stesso anno, a seguito di concorso, inizia l'attività nell'Ente per lo sviluppo della irrigazione e la trasformazione fondiaria in Puglia e Lucania, ove presta servizio fino al 1970 occupandosi soprattutto di esercizio degli impianti irrigui ad uso collettivo e della istruzione professionale. Durante tale periodo compie diverse missioni all'estero, tra le quali: in Grecia, come esperto di Bonifica e Irrigazione presso il Servizio Opere di Bonifica del Ministero Agricoltura, dal luglio 1959 al luglio 1960; ed in India (Kerala), come esperto FAO di irrigazione collettiva, nel dicembre 1964. Dal 1963 al 1968 è Incaricato di Tecnica della Bonifica presso la Facoltà di Agraria dell'Università di Bari e dal 1969 Professore incaricato di Idraulica Agraria nella stessa Facoltà. Direttore di corsi post-universitari sulla Tecnica dell'irrigazione. Più volte eletto componente del Consiglio Nazionale dei Dottori in Scienze Agrarie (1957, 1965 e 1971). Nel novembre 1970 viene nominato Direttore dell'Istituto di Bari del Centre International de Hautes Etudes Agronomiques Méditerranéennes. Per tale incarico internazionale si dimette da Direttore della Rivista Scienza e Tecnica Agraria (Organo ufficiale dell'Associazione barese dei Dottori in Scienze Agrarie, dalla sua fondazione nel 1961, con il nome di Puglia Agricola) e dalla carica di Presidente della Unione Regionale Pugliese dei Dottori in Scienze Agrarie. Oltre ai compiti istituzionali offre un significativo apporto all'insegnamento nei tre Corsi postuniversitari (Bonifica integrale, Conservazione del suolo e controllo delle acque e Irrigazione). Dall'anno accademico 1970-71, i programmi dei Corsi, l'attività dell'IAM, con le foto dei più importanti eventi e degli allievi, sono pubblicati anche in un piccolo Yearbook. Progetta e realizza, altresì, un circuito idraulico con le più moderne apparecchiature per l'irrigazione. Medaglia d'oro al merito della Tecnica Agraria. Su proposta del Ministero per gli Affari Esteri, con D.P.R. del 29 agosto 1974, viene nominato Dirigente Generale, con funzioni di Direttore Generale dell'Istituto Agronomico per l'Oltremare di Firenze. Oltre a curare l'attività istituzionale, si impegna, particolarmente, alla definizione, con gli altri Organi del MAE, della futura attività dell'Istituto nel campo della cooperazione tecnica con i paesi in via di sviluppo. A detta definizione seguiranno gli attesi provvedimenti legislativi. Ritiene pertanto, ad ottobre del 1977, di poter tornare ad insegnare, a tempo pieno Idraulica agraria alla Università di Bari. Autore di numerose pubblicazioni, tra le quali: Sistemi di esercizio degli impianti irrigui ad uso collettivo, Roma 1966; L'erosione idrica superficiale e l'analisi dei fattori che la determinano, 1966; La sedimentazione negli invasi ed alcuni aspetti per la sua determinazione indiretta, 1967; nonchè il testo di Idraulica Agraria edito dai F.lli Laterza Bari, 1986 e Edizioni Quadrifoglio, Bari, 1998.

Alle 3.30 del 9 gennaio 2016 il Lumen si è spento. Il Professore, come lo chiamava qualcuno, ci ha lasciati (di uomini cosi' si è perso lo stampo, diceva qualcun altro). Se n'è andato in punta di piedi con un caro ricordo per tutti, con qualche doverosa eccezione, i soliti 'caporali' (nell'accezione di De Curtis): chi lo aveva preso per i fondelli ovvero chi, per non avversare il proprio cognome, era finito dietro la lavagna... E' il nuovo che avanza... la Nuova Meritocrazia che, a fronte del rigore e dell'onestà intellettuale del Professore, ci restituisce uno sgradevole retrogusto di... inconsistenza. Che Dio gliene renda merito.

 
Agronomo - Professore Universitario

Esperto F.A.O.

Direttore dell'Istituto di Bari del Centre International  de Hautes Etudes Agronomiques Méditerranéennes

Direttore Generale del Ministero degli Esteri

MISSIONI E ATTIVITA’ ESTERE
Grecia, India, Francia, Olanda, Spagna

Autore di numerose pubblicazioni, in particolare nei settori della

IRRIGAZIONE (collettiva e autonoma), DRENAGGIO e EROSIONE IDRICA.